Tracking delle Berte maggiori

Dal 2007 i ricercatori di Ornis italica
si occupano dello studio tramite GPS di
berte maggiori della colonia di Linosa (AG) in cooperazione
con l'università di Palermo e il CNRS di Montpellier.
Linosa è una piccola isola situata a circa 150km di distanza tra la Sicilia e la costa Libica. Nonostante le sue piccole dimensioni, ospita la seconda colonia più grande del Mediterraneo della berta maggiore, con un numero stimato di circa 10.000 coppie. Sebbene questa colonia è relativamente in buona salute, la sottospecie del Mediterraneo di questa specie sta subendo un notevole declino numerico, simile a quello sofferto da altre specie di uccelli marini, a causa dell'eccessiva pesca, della predazione da parte di ratti e gatti nonché a causa del disturbo umano.
Dal 2007 abbiamo seguito circa 80 berte maggiori durante i loro viaggi di foraggiamento con GPS loggers di Technosmart, principalmente durante l'allevamento dei piccoli, da Luglio ad Agosto. I primi risultati possono essere visti qui.
Nel 2009 inoltre abbiamo cominciato ad utilizzare dei geolocalizzatori, per localizzare i siti di svernamento di questa sottospecie, che sembrano localizzati al largo della costa dell'Africa occidentale.
Dal 2010 inoltre abbiamo cominciato a seguire la piccola colonia di Salina (Eolie), nel nord della Sicilia, che è risultata essere in notevole pericolo a causa dei ratti.